Less waste: 10 facili strategie e indirizzi utili a Torino

Attenzione, sto per dire una cosa forte. A dispetto di ciò che il titolo potrebbe far credere, io non credo nello zero waste (stile di vita a zero sprechi).

Detesto ogni estremismo, quello che parte da un doveroso senso di responsabilità e tracima fino a farci salire su piedistalli fatti di una superiorità inesistente. Non amo controllare ossessivamente ogni dettaglio della mia vita quotidiana per poi sentirmi in colpa se non ho seguito il dogma. Non voglio trovarmi a rifiutare un regalo della nonna 95enne perché non conforme alle regole imposte. Il fai-da-te non fa-per-me. Non sono disposta a rinunciare alle conquiste fatte da e per le donne in decenni di femminismo (non essere più costrette a lavare quintali di assorbenti e pannolini, non dover necessariamente allattare al seno, avere dalla propria parte omogeneizzati pronti per bambini e anziani, avere a disposizione preservativi in plastica usa e getta per decidere della nostra sessualità in sicurezza – tra le tante).

Detto questo, qualcosa di importante può essere fatto. Se poi è anche facile e non costa un occhio, è l’ideale! 😉

  • Dalla plastica al vetro: yogurt, latte, succhi di frutta sono prodotti con molte alternative di packaging less waste, specie se avete bambini/e.
  • Mestruazioni: i tamponi ed assorbenti sono da sempre tra i prodotti meno ecologici in assoluto. Se avete confidenza con il vostro corpo potete optare per la coppetta mestruale, altrimenti sceglierete gli assorbenti esterni e i salvaslip compostabili.
  • Pannolini: al supermercato si trovano diversi brand di compostabili.
  • Carta casa, carta igienica, fazzoletti: l’azienda italiana Lucart ha nella sua linea questi prodotti, tutti ricavati da carta riciclata.
  • Prodotti di bellezza: Lush ma che vvelo dico a ffà. Dallo shampoo solido al balsamo, dalle creme alle maschere viso. Ma anche il Negozio Leggero.
  • Spazzolini e dentifrici: il mio dentista mi ha sconsigliato del tutto il bicarbonato puro, così ho scelto i prodotti di Lamazuna (costano parecchio però), mentre su Amazon si trovano comodamente disponibili tanti marchi di spazzolini in bambù.
  • Abbigliamento: chi dice che sprecare meno significa diventare minimali o tristi? Nei negozi Humana potete sbizzarrirvi, trovando capi originali e alla moda senza dissanguarvi. In più, Humana Vintage in Via Pietro Micca è un autentico gioiello incastonato in un palazzo d’epoca: da scoprire.
  • Giocattoli e abbigliamento bambini: crescono in fretta e strapazzano i vestiti al nido o all’asilo, ma è possibile arginare i costi e sprecare meno acquistando in uno dei molti negozi dell’usato. Personalmente per giocattoli, cucine e casette da giardino trovo molto utile anche Subito.it.
  • Pasta, pastina, cioccolato e biscotti: Negozio Leggero, mia figlia va matta per i loro biscottoni al cocco.
  • Detersivi: hanno purtroppo eliminato la spina nel mio supermercato, così ho scelto il Negozio Leggero. Se proprio non ho tempo per andarci cerco quanto meno di tenermi lontana dal packaging in plastica, preferendo alternative in polvere e in confezioni di cartone. Ho intenzione di provare anche i prodotti alla spina degli Empori Acmos.

E tu, quali strategie usi per ridurre gli sprechi e contenere i costi? Aspetto i tuoi suggerimenti! 🙂

A Torino apre un nuovo sportello di aiuto per le donne vittime di abuso

Jpeg aperitivo fronteC’è la cronaca, quella degli hashtag #YoSiTeCreo (cercatelo su Twitter, parte dalla Spagna), quella delle battutine come Ah beh se lei è una femminista poverino suo marito, quella degli studi sulla condizione lavorativa femminile in Italia e in Europa. Poi, per fortuna, ci sono le buone notizie e c’è l’aiuto più vero.

Come quello dell’Associazione Noi4You che, in collaborazione con lo Zonta Club Torino II, il Polo Culturale Lombroso16 e la Circoscrizione 8, ha indetto una serata ufficiale di presentazione del nuovo sportello di ascolto e di aiuto contro la violenza. In questo nuovo spazio volontari/e appositamente formati/e metteranno a disposizione la loro competenza per aiutare le donne in difficoltà a trovare soluzioni e felicità.

La felicità è un diritto: oggi stesso scriviamolo anche alle nostre figlie, madri, sorelle, vicine, amiche, colleghe, zie, nonne, cugine.

Lo sportello mette in campo (gratuitamente) la reperibilità telefonica attiva tutti i giorni, spaziando inoltre dai colloqui psicologici e psicoterapeutici alle consulenze legali o infermieristiche, dall’accompagnamento per consulenze presso assistente sociale, commercialista, Carabinieri, Polizia di Stato, medico alle campagne di sensibilizzazione contro ogni tipo di violenza.

Gli orari di apertura dello sportello saranno, a partire dal 9 Giugno 2018
martedì: 15-17
sabato: 11-13 e 15-17

Il numero di telefono dello sportello è 320.9168454
Sito web di riferimento: www.noi4you.it
Indirizzo email: noi4you.to@gmail.com

L’iniziativa di presentazione avrà luogo venerdì 8 Giugno dalle 19.30 alle 23, presso il Polo Lombroso16 di via Lombroso 16 a Torino: si parte con un aperitivo solidale e si prosegue con la presentazione del progetto e delle attività dello sportello, alla presenza di cittadini/e e autorità locali. Il costo dell’apericena è di 10 € (bevanda inclusa) dei quali 3 € andranno devoluti a supporto dello sportello.

Toccherà ribadire un concetto ad alta voce, in tempi di Case delle Donne che chiudono e di #Save194: non una di meno.

Estatech a Torino 2018 – 8 eventi

https_cdn.evbuc.comimages42759323340442985151originalLo so. Davvero. Scusate per il titolo. Fingiamo che non esista e proseguiamo con la ciccia vera.

22 Maggio 2018Fablab Torino presenta il corso Hello World Fablab Tools – Oscilloscopio, generatore di funzioni e alimentatore da banco.

23 Maggio 2018BIG IoT Hack!

24 Maggio 2018Torino Hacknight: UX Testing.

29 Maggio 2018Incentivi e agevolazioni per le nuove imprese.

29 Maggio 2018Hello World Jekyll – Aggiornare il sito del Fablab.

31 Maggio 2018Archivi, selezione, eredità digitale – Sloweb.

1 Giugno 2018Bitcoin, dark web e ransomware, aspetti tecnici e investigativi.

9 Giugno 2018Tesla Club Italy Revolution 2018.

Review libri: “Il Budda, Geoff e io” (Esperia)

recensione-social-media-torinoTutti noi nella vita conosciamo una persona incredibilmente paziente.
Quella che fa le cose che vanno fatte, che ci ascolta quando siamo molesti e lamentosi, quella che stimiamo perché in fin dei conti non esiterebbe ad infilare un braccio in uno scarico intasato e puzzolente per fare un favore ad un amico: da questa semplice considerazione ha inizio la trama.

Per certi versi è la classica storia di redenzione – con il protagonista Ed sfigato e nevrotico che si ritrova senza lavoro e senza fidanzata – ma in questo caso pagina dopo pagina l’elemento buddista porta la narrazione su strade differenti e meno scontate, complicando piacevolmente non il linguaggio quanto i concetti. Al centro del twist c’è il personaggio di Geoff, buddista divorziato che non disdegna una birretta al pub: proprio quella persona paziente che, infilando quel braccio in un water scassato, mostra per primo al protagonista un nuovo modo di pensare al futuro e a sé stessi.

Ci sono storie per il cervello e storie per l’anima: in questo libro, l’autore riassume con efficacia entrambi gli obiettivi, rendendo i concetti buddisti alla portata di tutti (persino della “generazione Mtv”, come suggerisce la recensione dello Yoga Journal americano in quarta di copertina). Il precetto che mi è piaciuto di più è senza dubbio quello di Saggezza Coraggio Compassione – così immediato, e ciascuno di noi può relazionarvisi nella vita quotidiana – ma mi sono accorta che il libro era approdato all’animo quando, di fronte ad una rogna di lavoro, ho pensato Oh no, dai: sto lasciando che il mio Amico Maligno prenda il sopravvento.

Come unico spoiler vi lascio il (prevedibile) lieto fine, non senza un clamoroso colpo di scena, e giù di lì troverete anche la risposta alla domanda cruciale: ce la farà il nostro eroe a diventare uno scrittore? Quale eredità sarà riuscito a trasmettere l’amico Geoff?

Primavera tech a Torino – 2018

pexels-photo-515167Siete pronti/e per questa scoppiettante primavera?

No, certo che non siete pronti: a Torino il bel tempo si fa attendere perciò da bravi nerd ci si rintana tutti al coperto, intrattenendosi amabilmente con hackaton, AI e robots.

Ecco alcuni eventi interessanti.

12 Aprile > Cloud Conference

12 AprileLa rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale @ TAG Innovation School

12 AprileMyData Global Meeting

14 Aprile > Hackaton Droidcon Italy 2018

18 AprileAutomation & Testing 2018

19 Aprile > Droidcon Italy 2018 Official Event

21 AprileCome prende vita un robot | Workshop di robotica

12-13 MaggioA bit of [hi]story

14 GiugnoStartuppato | Create. Test. Innovate. | Summer Edition 2018

 

Leggere spendendo poco (legalmente): 6 modi

pexels-photo-459791Sto parlando di passione per la lettura, quella che ti fa stare sveglio per una notte intera rincorrendo il finale di quel romanzo che ti ha calamitato il cervello. E sto parlando anche del portafogli, quello che piange dopo averti visto “capitare per caso” in libreria in un anonimo giovedì pomeriggio.

Questi sono i miei stratagemmi furbi per risparmiare senza perdere neanche una pagina.

Amazon: sapevate che spesso questo portale mette a disposizione ebook a meno di 1 €, se non addirittura free? Ecco il link QUI. Potete trovare la stessa modalità su altri portali, come Mondadori, IBS o Feltrinelli. Per chi usa il Kindle o il Kobo

Acciobooks: scambiate low cost o gratuitamente libri nuovi o usati, pagando il costo ridotto del Piego di Libri per la spedizione. Alla mera compravendita si aggiunge in questo caso l’elemento umano: tempo fa ho postato su Instagram uno scambio che mi sta a cuore, eccolo QUI. Per chi non rinuncia alla carta stampata

Biblioteche Civiche Torinesi: ce ne sono molte, in tutti i quartieri di Torino, e spesso ospitano incontri con gli scrittori. Per chi ama gironzolare in città

Archive: testi della letteratura tradizionale, ormai liberi da diritti. Per chi ama i classici

Progetto Gutenberg: altri classici, anche in lingua stranieraPer chi vuole mettersi alla prova con inglese, francese e molto altro

LiberLiber: libri low cost ma anche gratis. Per chi vuole contribuire ad un bel progetto

To​rino in musica (e ballo): 10 appuntamenti da mettere in agenda da Settembre a Dicembre 2017

Ma si dice ancora “pronti per il sound check”?

. 25 Settembre 2017: Le Lundi Pétanquer – Swing In Bocciofila

. 29 Settembre 2017: Seeyousound / Sound Of Noise / Cinema Massimo

. 1 Ottobre 2017: Vinicio Capossela

. 2-8 Ottobre: Reset Festival

. 27 Ottobre 2017: BalFolk – 8° “Festìn a la mòda de las valàdas”

. 28-31 Ottobre 2017: Movement Musica Festival

. 1 Novembre 2017: Club To Club 2017

. 17 Novembre 2017: Torinoswingfestival 2017. Fifth Edition

. 29 Novembre 2017: Jazz:re:found Festival 2017

. 20 Dicembre 2017: Ludovico Einaudi a Torino

11 appuntamenti d’arte, cinema e cultura a Torino – Autunno 2017

torino-musei-mostreEh cosa vuole, da quando è successo il patatrac in Piazza San Carlo qui a Torino ci tolgono tutto…

– Passante, mercato di Corso Racconigi, Agosto 2017

 

 

14 Settembre 2017: Omaggio Frida Kahlo / Talk Mostra Film.

15 Settembre 2017: La Notte degli Archivi.

15 Settembre 2017: Una notte a Palazzo Reale.

16 Settembre 2017: Caravaggio Experience: la visita guidata + salta la coda.

17 Settembre 2017: Giornata delle Arti per Tutti.

24 Settembre 2017: Una mattina al Valentino. Colazione in terrazza + visita guidata.

24 Settembre 2017: Stupinigi – il Re e la Regina aprono le loro stanze segrete.

29 Settembre 2017: La Notte oscura.

30 Settembre 2017: Una Notte al Museo Nazionale del Cinema (l’originale).

7 Ottobre 2017: Portici di Carta, 11a edizione.

8 Ottobre 2017: Joan Mirò – Sogno e colore.

9 eventi su tech, innovazione e web marketing a Torino – Autunno 2017

coffee-work-desk-mug-keyboard-162616Ma dove sono finiti gli ingegneri in questa città? Voglio dire, ok si sono accorti che esiste un mondo al di fuori delle loro automobili ma… come si guadagnano da vivere adesso?

– Amica straniera in visita

6-8 Settembre 2017: Corso Autodesk Fusion 360.

Giovedì 7 Settembre 2017: Presentazione Laboratorio “To Think To Create”, organizzato da Incubatrice per l’Imprenditorialità Creativa e Culturale Unito e Progetto Innovazione e Competitività Unito.

Martedì 19 Settembre 2017: AperiTreatabit al Copernico Torino Garibaldi, “Il funnel perfetto per il Web Marketing: tutto sulle landing page fino alle conversioni”.

Giovedì 21 Settembre 2017: al Campus Luigi Einaudi, A/R Torino – UniTo.

26 Settembre-6 Ottobre 2017Corso 3D Studio Max 2018 Con Vray – Architecture & Design.

Mercoledì 27 Settembre 2017: Matching tra ricerca, enti e imprese. Laboratori R&D.

Weekend del 6,7 e 8 Ottobre 2017: all’I3P, Transport Hackathon.

23-27 Ottobre 2017: VIEW Conference. Hashtag ufficiale #viewconference2017.

Giovedì 23 Novembre 2017: al Toolbox, Startuppato.

Torino e i suoi no

noesNon c’è niente come la capacità di Torino di schiaffeggiarti con i suoi no.
Vuoi il sole? No. Vuoi grandi eventi? No. Vuoi meno smog? No.
A Torino ci si abitua agli scioperi dei bus due volte al mese, a parcheggiare lontano chilometri il sabato sera. Insomma ai no, quelli a parole e soprattutto quelli dei fatti, nella quotidianità.
I rifiuti e le porte in faccia sono diventati materiale da aneddoto, specialmente per la mia generazione di mancati fenomeni. È una delle cose che non amo della mia città, e del mio Paese in generale.

Alla fine, nonostante tutto, si rinasce. Con un sinuoso gesto delle braccia generiamo iniziale confusione, poi – indietreggiando di qualche passo – vediamo la realtà per quella che è. E i movimenti convulsi hanno lasciato spazio ad una magnifica brillante alba.