A Torino apre un nuovo sportello di aiuto per le donne vittime di abuso

Jpeg aperitivo fronteC’è la cronaca, quella degli hashtag #YoSiTeCreo (cercatelo su Twitter, parte dalla Spagna), quella delle battutine come Ah beh se lei è una femminista poverino suo marito, quella degli studi sulla condizione lavorativa femminile in Italia e in Europa. Poi, per fortuna, ci sono le buone notizie e c’è l’aiuto più vero.

Come quello dell’Associazione Noi4You che, in collaborazione con lo Zonta Club Torino II, il Polo Culturale Lombroso16 e la Circoscrizione 8, ha indetto una serata ufficiale di presentazione del nuovo sportello di ascolto e di aiuto contro la violenza. In questo nuovo spazio volontari/e appositamente formati/e metteranno a disposizione la loro competenza per aiutare le donne in difficoltà a trovare soluzioni e felicità.

La felicità è un diritto: oggi stesso scriviamolo anche alle nostre figlie, madri, sorelle, vicine, amiche, colleghe, zie, nonne, cugine.

Lo sportello mette in campo (gratuitamente) la reperibilità telefonica attiva tutti i giorni, spaziando inoltre dai colloqui psicologici e psicoterapeutici alle consulenze legali o infermieristiche, dall’accompagnamento per consulenze presso assistente sociale, commercialista, Carabinieri, Polizia di Stato, medico alle campagne di sensibilizzazione contro ogni tipo di violenza.

Gli orari di apertura dello sportello saranno, a partire dal 9 Giugno 2018
martedì: 15-17
sabato: 11-13 e 15-17

Il numero di telefono dello sportello è 320.9168454
Sito web di riferimento: www.noi4you.it
Indirizzo email: noi4you.to@gmail.com

L’iniziativa di presentazione avrà luogo venerdì 8 Giugno dalle 19.30 alle 23, presso il Polo Lombroso16 di via Lombroso 16 a Torino: si parte con un aperitivo solidale e si prosegue con la presentazione del progetto e delle attività dello sportello, alla presenza di cittadini/e e autorità locali. Il costo dell’apericena è di 10 € (bevanda inclusa) dei quali 3 € andranno devoluti a supporto dello sportello.

Toccherà ribadire un concetto ad alta voce, in tempi di Case delle Donne che chiudono e di #Save194: non una di meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.