Torino e i suoi no

noesNon c’è niente come la capacità di Torino di schiaffeggiarti con i suoi no.
Vuoi il sole? No. Vuoi grandi eventi? No. Vuoi meno smog? No.
A Torino ci si abitua agli scioperi dei bus due volte al mese, a parcheggiare lontano chilometri il sabato sera. Insomma ai no, quelli a parole e soprattutto quelli dei fatti, nella quotidianità.
I rifiuti e le porte in faccia sono diventati materiale da aneddoto, specialmente per la mia generazione di mancati fenomeni. È una delle cose che non amo della mia città, e del mio Paese in generale.

Alla fine, nonostante tutto, si rinasce. Con un sinuoso gesto delle braccia generiamo iniziale confusione, poi – indietreggiando di qualche passo – vediamo la realtà per quella che è. E i movimenti convulsi hanno lasciato spazio ad una magnifica brillante alba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.